Saturday, 29 October 2011

Opticum HD x403 FAQ

What is the Opticum HD x403 ?
It's a cheap, chinese made DVB-S2 HD satellite tuner with a PVR function.

Why are you writing this FAQ?

As a note to myself, basically. I bought one the a while ago to replace an older FTA tuner which is apparently broken. I'll welcome every contribution, on the other hand.

Why did you buy one?
It's cheap (89.9 EUR at Amazon's), it has all the connectivity I need, it has a PVR function, can play media files (not all), has some special features..

Is it a Dreambox clone?
Nope, some of the features are comparable, but it's a completely different hardware.

Is it an Openbox clone?
No. The hardware is very similar (an ALI 3602 based machine) but it runs a completely different software. he menus are organised in a way reminding of the Enigma interface, though.

It must be a clone of something?
It's a clone of itself... It's a chinese OEM product, made (also) by Yoja Technology Co. Ltd. It's known as the Opticum or Globo or Orton HD x403p. It's rebranded by European vendors as the Edision Argus Piccollo, the Amstar, the AMIKO, the SAB,  and many other names sometimes with a slightly different firmware (alternative graphics, etc).

What is the connectivity?
On the front, a CONAX card slot and CI slot. CONAX is an encryption standard used mostly in scandinavian and german-speaking countries. A Common Interface slot theoretically allows to use the receiver to watch every pay-tv with the corresponding CAM module, but there can be compatibility problems. On the back one can find: HDMI, SCART (only one, CVBS/RGB of course but not S-Video), 1x RCA CVBS, coaxial SPDIF, 2x RCA audio out, satellite in/out (that is, passthrough is supported). No optical Toslink. A 10/100 Ethernet port. A 2.0 USB to device connector. A RS232 port.

No headphone output?
That would be asking too much.

Are there different versions of the x403p ?
Yes, there are two generations of remote controllers, the new and the old, each apparently requiring different firmwares. I have the new remote, shown in the photo below.

What does the unit look like? What comes in the box? 
Like this:

The unit comes in a small cardboard box with no internal padding (and Amazon sent it to me in one of those light cardboard covers they usually use for thick books, sheesh), inside I found the unit with the attached power cord, an instruction manual in german, the RC and two spare AAA batteries.

How does the case look like? 
Chinese manufacturing and quality standards have improved lately. It's a very small set top box. The finishing is acceptable, it looks reasonably solid, but don't expect something looking a HUMAX or early Dreambox multimedia machine.

What is the official website for updates, manuals, etc?
Try this: But you won't find much there, at most an english manual and a not-so-updated firmware.

Where can I get service in case of failure, etc?
If it breaks in the warranty period, have it replaced by the seller, otherwise buy something newer. Realistically I mean.

Does it work also with conventional (non HD) TV sets?
 That's what the SCART is for, You can also watch HD programming, downscaled of course. The menus however are almost always optimized for HD viewing, so they are a bit hard to read on a standard tv set (this could be a problem for older people).

What kind of devices is it possible to attach to the USB port?
Flash pendrives and USB hard disks. Both FAT32 and NTFS formatted units are supported. I've tried a couple of 2.5 hd enclosures and they work: of course your mileage may vary, some hd enclosures which do not require an external power supply on a particular pc, could require one on the x403p, or vice-versa. If you plan to use an USB extension cord, use a quality one.

What are the PVR capabilities?
Depending on the USB device speed (a USB 2.0 hard drive will always work at max speed) upto a single HD channel. One can watch another channel on the same transponder while recording. The unit records standard transport stream .TS files. I can watch them with VLC.

What are the media playing capabilities?
It can play most music and video containers and codecs, EXCEPT DVIX/XVID encoded video. That is probably a hardware limitation: most material one can 'find' on the internet IS DVIX/XVID encoded, so it will have to be converted before using. A good option is converting to H.264 with the MKV container. I use the freeware Handbrake utility.

Is the CI slot compatible with the Tivusat SMARcard?
Looks like it is. If I could find a SMARcard which doesn't cost as much as a full receiver I could test it...

What about the tuner sensitivity?
It's pretty good. I have a fixed dish with three LNBs, the third is on a secondary focus 'pointing' to Atlantic Bird 3 for FTA french channels and the signal is rather weak, but the unit tunes it with no big problems.

What's the Ethernet port for?
For updating the firmware via HTTP o FTP and for cardsharing (with 'special' firmwares). No telnet access, no web access, no shell access etc. It supports DHCP or a manual configuration. IP v4 only :^)

What's the RS232 port for?
Firmware updating in case of emergency, channel list editing.

Tell me about the channel list features.
The unit is diseqc 1.0/1.1/1.2 USALS compatible. It comes with a decent list of satellites and transponders, it allows normal and blind scan, and manual editing. Channels can be sorted, found with a 'search' feature, organised in up to ten favourites sections. The channel list can be backed up with the firware on USB and can be edited via RS232 (not by Ethernet) with external utilities. It's usable and reasonably fast (the user interface on the STB I replaced was impossibly slow)

What are the 'special' capabilities?
On many forums you can find patched firmwares with: - different graphics - updated media player capabilities - an embedded softcam currently able to open a few bouquets (not many). Keys must be embedded within the firmware with a couple of freeware utilities, or they must be input manually (press info two times and the red button two times - the usb unit must be disconnected). Sometimes keys embedding works, sometimes not.  Approximately one can access what is currently accessible with a PC and a softcam like VPlug, that is, not much. I suspect the original 'patched' firms are from the manufacter himself, surely there must be a reason why this kind of receivers are top sellers on amazon and in eastern europe... - alternatively, a cardsharing module. It should allow access to cccam cardsharing server, via the netclient submenu in the internet menu. I haven't personally tried this feature.

What are the best sites to find information and software for the unit? - - - (if you can read german, it's the most up-to-date site)

What should I look in new firmwares?
It must be a firmware specific to the x403p (not the Opticum X4 or the Opticum 9600, for example). It must be a firmware compatible with your remote, old or new. The best way to upgrade is to put the .abs image in a flash fat32 pendrive and use the USB upgrade option from the system menu. If the firmware is not compatible, the unit shoud tell you that (it should).  The firmware contains also a bootloader image. If the bootloader is compatible, there is no need to upgrade it. One can choose software only upgrade with the benefit of not losing the channel setting on upgrade. However, if the bootloader is not compatible, it must upgraded with the bootloader image embedded in the abs file, losing the channel list in the process (the channel editing utilities shoud let you save a backup of the channel list anyway)

What are the best utilities around?
There's a free channel editor (AliEditor). There is also a version of a shareware(commercial) well known channel editor utility, but it doesn't make sense for such a cheap unit. AliChipmaker 2.1 updates the keys in an abs image from a server. It works ok, but again, sometimes keys aren't read for no particular reason. Orton Key Editor 1.8 is a .net utility which lets edit keys in an abs image manually, or by loading them from a binary file. Is it possible to load additional software ON the unit? It's not Enigma nor linux (as far as I know) based. You get what's in the firmware. There are three games included with every firmware I've seen, Tetris, Snake, and Othello.

How does the unit work?
Reasonably well. Until just a few years you could get something like this for four, five time the price, at best. I've seen that sometimes media files with incompatible codecs crash the unit goodbye, instead of prompting the usual incompatible codec message, or I've seen the video stream stop while the audio continued. Keep in mind of course that this is a under EUR 100 set top box. If you want the best , spend at least double that amount and get a Qbox HD mini, or a genuine Dreambox.

Friday, 28 October 2011


L'altro giorno, complice un'ennesima trasferta in treno, sono finalmente riuscito a terminare 'Fuori!' di Matteo Renzi. Qualche mese fa invece ho letto, in una serata o poco più, 'Cioni ti odia', autobiografia di Graziano Cioni.

Il libro di Cioni è uscito per un piccolo editore: ne hanno parlato le cronache locali, è stato presentato sporadicamente. Soprattutto nelle case del popolo toscane (si chiamano ancora case del popolo?). 'Fuori!' è uscito per i tipi di Rizzoli. Sarebbe dovuto essere edito da Mondadori, ma gli strascichi dell'incontro avvenuto ad Arcore tra Berlusconi e il sindaco di Firenze hanno fatto consigliare una scelta più avveduta.
E' stato presentato - per mesi - in tutta Italia in conferenze affollate, e la fotografia dela copertina continua ad essere ancora "l'avatar" di Renzi su facebook. Una faccia da facebook, indubbiamente: sarà anche un esperto di marketing, l'ex-giovane di Rignano, ma il suo fotografo non fa che accentuare la mollezza dei suoi lineamenti.

Graziano Cioni è un politico che, a livello locale, per due decadi ha contato molto. Probabilmente se non fosse incappato nello strano scandalo di Castello, due anni fa, ora il sindaco di Firenze sarebbe lui. Anche Renzi fu menzionato, eccome, nelle intercettazioni relative: tuttavia la "non rilevanza penale" del "forte linguaggio" utilizzato sembra sia stata applicata solo a lui.

Sta di fatto che Cioni è virtualmente e repetinamente scomparso dalla vita pubblica: forse c'entrano anche motivi personali, ma la sua vicenda mi ha non dico sorpreso, ma reso diciamo alquanto perplesso.

'Cioni ti odia' (la scritta di uno stencil apparsa abbastanza frequentemente sui muri di Firenze dopo la delibera anti lavavetri) è una autobiografia singolare. Lo stile è alquanto peculiare: Cioni, dichiaratamente, non ha nemmeno la terza media. Sicuramente l'esperienza non gli manca, ma è abbastanza evidente che la (forzata) mancata frequentazione di scuole e buone letture in gioventù si fanno ancora sentire. Non che la lettura del libro sia sgradevole, anzi, ma certi limiti si fanno sentire.

Il politco di Empoli appartiene a un'Italia che non c'è quasi più. Povera di mezzi, di istruzione, ma con una grande vitalità: gli aneddoti raccontati da Cioni, dalle battute di caccia col babbo alla 'Gladio Rossa' ormai sono storie appartenenti a un mondo che non c'è più. L'ex assessore ed ex senatore è il primo a riconoscere che il suo percorso è appartenuto a un periodo unico della storia italiana ed oggi non sarebbe ripetibile.

Fin dalla istituzione della ZTL, quasi un quarto di secolo fa, ho sempre visto al barbuto assessore con un certo favore. L'ho pure votato alle politiche. Ha avuto sicuramente delle intuizioni positive (il traffico, la sicurezza) e si è messo in gioco con fermezza innegabile.

Rimangono delle contraddizioni sconcertanti: si può mettere - giustamente - la sicurezza ai primi posti, si può parlare - giustamente - dei problemi derivati dall'improvvisa entrata della Romania nell'area Schengen, e poi invocare la completa e incondizionata apertura delle frontiere, sicuri che non succederà nulla. Sconcertante: un po' come l'iniziativa fallimentare degli (sic) angeli neri  che avrebbero dovuto contrastare il commercio abusivo, oppure, in altro settore, il 'trenino' che avrebbe dovuto aiutare i giovani ad andare in centro nonostante la ZTL notturna. In realtà un vero e proprio buffo trenino su gomma, di quelli che di solito si trovano in certi parchi  o in altre zone ad uso e consumo dei turisti e delle famiglie con bambini piccoli. Per un'estate me lo sono trovato, tutto smalti e decorazioni, parcheggiato pure vicino casa.

Per la città di Firenze ha fatto tutto sommato molto: se ci fosse stato lui a Palazzo Vecchio probabilmente oggi i lavori per la linea 2 della tramvia, e col progetto originale, sarebbero già a buon punto, e non alla vigilia dell'apertura dei cantieri da ..un anno intero, come con Renzi.

Certo, per Cioni l'esperienza a livello nazionale non ha portato grandi risultati: tornato a Firenze si è evidentemente scontrato con qualcosa più grande di lui. Se siano stati solo il suoi limiti o altro, è difficile dirlo con precisione.

Un tratto che lo accomuna con Matteo Renzi è certamente l'attenzione per i media. Sicuramente la ZTL è stato qualcosa di utile, ma anche una buona cassa di risonanza. Lo stesso le iniziative più recenti, come la criticatissima-apprezzatissima ordinanza che ancora oggi ha tolto dagli incroci fiorentini il racket dei lavavetri (perché di questo si trattava). Certo, autoincensarsi ancora per aver sventato il terribile tentativo di corruzione della funzionaria di Albacom comincia ad assomigliare un po' a quelle che qualche anno dopo sarebbero iniziate ad essere definite delle renzate.

Con Renzi però facciamo un salto di almeno un paio di generazioni. E' il figlio di un mondo molto diverso da quello di Cioni. Il milieu del rignanese non è più quello sottoproletario dell'empolese Cioni (anzi, pontormese) bensì piccolo-medio borghese. Renzi ha potuto frequentare ottime scuole, e tutto sommato con profitto. Il suo libro, più programmatica dichiarazione di intenti che autobiografia, si lascia leggere bene. Tende a volte al linguaggio pubblicitario ( perché <slogan>; abbiamo inaugurato l'asilo della banca CR perché la famiglia è la prima cosa), ma è un buon mix tra aneddoti personali, sempre utili per fissare l'attenzione, e pochi concetti di base. Ovvero Renzi è giovane, gli altri sono da svecchiare. Lui è il nuovo che riuscirà dove gli altri hanno fallito. Per i precari, ma senza dimenticare gli imprenditori, che einaudianamente fanno gli imprenditori per sport, visto che potrebbero arricchirsi ancora di più con le speculazioni immobiliari. Una volta Bono Vox degli U2 ha detto che i politici sono i depositari dei sogni della gente, e lui vuole essere il depositario, e continuare a fare il lavoro più bello del mondo a Palazzo Vecchio. Facendo finire i Grandi Uffizi in cantiere da ventanni e terminando la maratona di Firenze, per mantenere la promessa elettorale più difficile.

'Fuori!' è più o meno tutto così per le sue 200 pagine, o poco più. Ho terminato gli ultimi capitoli nel breve tragitto di un frecciargento Padova-Firenze. Tanto ormai avevo letto o sentito le stesse cose in TV o sulla pagina facebook del Nostro. Parole abili, ma al momento, a Firenze non si è visto molto. Qualche sgombero, sacrosanto. Un paio di pedonalizzazioni, con risultati contrastanti. Molte altre situazioni sono state gestite male (per esempio la nevicata del 17 dicembre) o continuano ad essere ignorate, come i problemi - perché di problemi seri si tratta - della sicurezza e del degrado.

Proprio stasera alla Leopolda di Firenze si apre una 'convenscion' che forse (ma non sembra il momento giusto) candiderà Renzi alle primarie del PD.

Se rimane a Firenze forse dopotutto rivoterò Renzi, se non altro per la cronica mancanza di alternative valide nell'agone politico per l'elezione del futuro occupante della 'sala di Clemente VII'.
A livello nazionale, perché scegliere un giurisperito ex-giovane che alla fin fine, alla prova dei fatti, non è riuscito ancora a superare i risultati del figlio di un fruttivendolo di Empoli con le 'medie nemmeno finite'?

Sunday, 9 October 2011

steve jobs 1955-2011

Il giorno, anzi durante le ore in cui è morta, a 27 anni, Amy Winehouse, stavo guardando "When you are strange", un documentario sui The Doors e Jim Morrison. Uno dei primi membri del 'Club dei 27'.
Quando è morto Steve Jobs, l'altro giorno, avevo appena finito di leggere le ultime pagine del libro la cui copertina è riprodotta più sopra. Devo tornare per un po' alla fantascienza e ai libri di storia.

In inglese il titolo è più prosaico: "The presentation secrets of Steve Jobs" di Carmine Gallo. In realtà è il classico manuale di mirabolanti tecniche da applicare in azienda che si trova in bella vista, vicino alle patatine e ai portachiavi, negli autogrill. Si tratta di un'analisi delle tecniche retoriche, o meglio di 'comunicazione' impiegate da Jobs durante le sue presentazioni: tutto sommato una serie di comportamenti molto sensati che spesso però chi deve parlare in pubblico non ha molto presenti. Semplificare il più possibile, esercitarsi, porsi di fronte al pubblico, sfoggiare una dizione senza esitazioni, usare il linguaggio del corpo, avere il senso del palcoscenico.

Mi occupo di informatica approssimativamente dai tempi dell'Apple IIe, ma non ho mai posseduto un prodotto proveniente da Cupertino. Mi è capitato di provare alcuni dei primi Macintosh, in ufficio ho ritrovato ed usato molto più estensivamente gli ultimi modelli. Non ho mai trovato ragioni sufficienti per acquistare, ad esempio un Mac Mini (beh è piccolo e carino, ma con gli stessi soldi compro un assemblato col doppio di ram e disco, quasi altrettanto silenzioso). Per non parlare degli altri gadget come iPod, iPad, iPhone, legati a un sistema chiuso di distribuzione di contenuti e software, troppo costosi e troppo ostentati da schiere di soggetti con cui in generale non ho molta voglia di accomunarmi.

Di sicuro però la capacità comunicativa di Jobs, il suo 'campo di distorsione della realtà' era eccezionale. Su youtube si trovano i video delle sue presentazioni, anche le prime risalenti agli anni '80. Andrebbero in effetti studiate nei minimi dettagli da chi debba cimentarsi con una presentazione commerciale, come consiglia Carmine Gallo, o anche da chi debba semplicemente tenere lezioni o corsi. Guardandole viene voglia davvero di comprarsi un mac. Anche se alle volte i 'pitch' sono quasi puerili, almeno per chi con l'IT ha un minimo di esperienza lavorativa. "Il nuovo Mac OS X Gattino ha 5237.456 nuove funzioni!" In realtà da Windows 2000 a Windows 8 il SO di Microsoft è cambiato molto di più, mentre OS X è rimasto molto più simile alla prima versione rimessa insieme dal NeXTOS.

Forse tra 100 anni sarà ricordato per questo, i contributi dati alla 'comunicazione e al marketing. In questi giorni si leggono lodi incredibilmente sperticate, ho letto anche di paragoni con personaggi come Thomas Alva Edison. Jobs è stato un grande commerciale, uno dei pochi venditori che conoscono intimamente ciò che vendono, ma non è mai stato un "inventore" o un tecnico. Chi ideò veramente l'Apple II fu Wozniak, il vero genio dell'elettronica. In un altro curioso libro (specie se letto a 25 anni di distanza dalla pubblicazione) 'Programmers at Work' il recentemente scomparso Jef Raskin, uno dei veri creatori del Mac si lamenta della - uh - scarsa onesta intellettuale di Jobs nell'attribuirsi i meriti del suo sviluppo.

E' vero che ha saputo valorizzare spesso al posto giusto, nel modo giusto e al momento giusto tecnologie esistenti. Probabilmente useremmo le GUI anche senza il Macintosh, forse in modo un po' diverso, di sicuro però il mercato della telefonia mobile è stato sconvolto dall'iPhone, benchè esistessero già da tempo i touchscreen senza tastiere estese e gli smartphone connessi alla rete. Lo stesso sta succedendo con i tablet (un tipo di dispositivo che in realtà è una soluzione in cerca di un problema da venti anni almeno).

Stallman non ha tutti i torti a parlare di una 'cool prison' riguardo al mondo Apple. Jaron Lanier però ha almeno altrettanto ragione a scrivere che l'iPhone è un prodotto uscito dall'industria privata, non dal mondo dell'open source.

Jobs era anche un personaggio singolare, chissà che fine avrebbe fatto senza i soldi della prima IPO della Apple, trentanni fa. Mi è capitato anche  di leggere una delle tante biografie non autorizzate di Jobs, "iCon", uscita anni fa. Per vendetta Jobs aveva fatto escludere tutti i libri dell'editore della biografia dagli Apple store: ragione sufficiente per cercare il volume e leggerselo. Ad esempio vi si legge che da giovane era solito andare in giro scalzo (questo però lo faceva anche Piero Pelù, alla sua età). Oppure che era solito rilassarsi mettendo i piedi nel w.c. e tirando lo sciacquone. Durante in primi anni in Apple si era messo a seguire una speciale dieta vegetariana, convincendosi che avrebbe avuto l'effetto di rendere superfluo il ...lavarsi. I risultati non furono quelli sperati.

Pare anche che nel 2003, quando gli fu diagnosticato il tumore al pancreas, si sia rifiutato di farsi operare per un anno, visto che si era convinto che un'altra speciale dieta vegetariana lo avrebbe potuto curare. Anche in questo caso i risultati non furono quelli sperati.

Meritoria iniziativa della comunità romena capitolina.

Un paio di settimane fa mi è capitato di leggere questo articolo del Corriere, cronaca di Roma. All'insegna della pacifica e multiculturale convivenza tra diverse comunità, l'iniziativa dell'associazione Noua Dreapta è commendevole. L'incitamento da parte della comunità romena verso i propri concittadini (romeni di etnia rom, anche se dall'articolo lo si può solo dedurre) è sensato: si tratta solo di accettare i modelli di comportamento offerti dalla società - non trasformare una stazione periferica in un suk, ad esempio. L'associazione se la prende anche col Comune di Roma, reo, come molti altri, di fare troppo poco contro il degrado, o meglio, contro le violazioni dell'ordine pubblico.

Un comportamento esemplare, però  la cronista romana avrebbe dovuto notare che il logo dell'associazione ricorda quello del NPD tedesco, che a sua volta è stato ripreso dall'italiana Forza Nuova. Sulla wikipedia inglese si trova questo articolo:

Chissà se l'ingenua articolista avrebbe scritto il pezzo con lo stesso tono, se avesse capito che aveva a che fare con un'organizzazione che avrebbe altrimenti definito 'neonazista' associata a FN.  Perlomeno ne è uscito un articolo di rara obiettività.