Saturday, 30 January 2016

Gioin De Nevi




Vista qualche giorno fa in Via Veneto a Roma, poi anche in altre città, ad esempio sui bus. Apparentemente è la nuova campagna di arruolamento per la Marina Militare. Italiana. "Join the Navy" - speriamo che se ci sarà uno spot televisivo non metteranno 'In The Navy' dei Village People come colonna sonora.. 

 


Saturday, 21 November 2015

Shake'n'go

Ieri ho fatto un giro su enjoy perché avevo l'auto a fare la revisione e... pochi minuti dopo mi è arrivata in mail un'offerta per iscrivermi a share'n'go a 1 euro + 100 minuti bonus. Un caso, sicuramente, comunque tanto valeva provare. Ci ho già fatto diversi giri.

Da un punto di vista delle procedure di iscrizione e prenotazione, niente da eccepire, più o meno funziona come enjoy: si fa tutto via web, basta lasciare i dati della patente e della carta di credito. L'auto si fa partire (anche) con un pin, sempre in stile enjoy. Fortunatamente (da un po' sono passato a un dual sim Windows Phone) non c'è nemmeno bisogno dell'app per gestire il noleggio, ma è più che sufficiente il sito in modalità mobile. Non so se le auto disponibili da me a Firenze sono ancora davvero quelle promesse (più di cento, mi pare) perché non è che ne abbia mai viste tantissime sulla mappa, comunque dipende sempre da dove ci si trova e di quanto tempo si ha a disposizione. I costi almeno per me sono un pelino sotto a enjoy ma share'n'go ha una sorta di profilazione dell'utente per cui il prezzo al minuto varia (siamo sui 20 cent al minuto, comunque)




Più che altro ero molto curioso di provare l'automobilina elettrica che dicono sia progettata in Italia e prodotta in Cina. In pratica è una versione leggermente più piccola di una Smart come tipologia: in realtà almeno dal tipo di targa, è immatricolata non come automobile ma come quadriciclo. L'esterno ormai l'avrete visto tutti, dentro come finiture diciamo che siamo nella media (tgndente forse al basso). La posizione non è nemmeno scomoda, almeno per una persona di altezza media piuttosto robusta come il sottorscritto.. La mancanza più grande è che manca l'autoradio, bisogna arrangiarsi col cellulare per avere un po' di sottofondo musicale o vocale.

C'è un cruscottino con una specie di indicatore di autonomia analogico al posto del contagiri, il tachimetro, un trip computer e le solite spie standard, un climatizzatore rumoroso e che soprattutto non ne vuole sapere di disappannare il parabrezza (alla fine ho usato la manica).

Il navigatore è sensibile al tocco e serve anche per le varie operazioni di inizio e termine noleggio e per chiamare l'assistenza. Vetri elettrici, pulsantone rosso 'don't panic' per fermare il motore. Non ci sono prese USB per caricare device, però c'è quella che sembra una presa accendisigari. Il cambio è automatico con il pulsanti per folle, retromarcia e marcia sulla plancia. La mia esperienza con auto senza marce era praticamente zero comunque è abbastanza facile prenderci la mano, casomai è meglio non fare il primo giro nel traffico fitto.



L'auto è tuttaltro che silenziosa, il motore sicuramente lo è ma sullo sconnesso rimbomba (e si scuote) mica poco, e il resto della meccanica si fa sentire (probabilmente anche perché non c'è il motore termico a fare rumore). La pavimentazione tradizionale di certe strade del centro di Firenze è particolarmente efficace in questo senso. Non credo che possa arrivare a molto più di 70-80 km/h reali (anche perché probabilmente oltre inizierebbe a decollare) però in effetti lo spunto è piuttosto buono.


Le 500 di enjoy sicuramente sono molto più comode: tuttavia nel complesso questa iniziativa merita un ampio plauso. Negli ultimi giorni mi è capitato di provare quello che per più o meno fortuite circostanze evito quasi sempre, ovvero il traffio cittadino a Firenze nelle ore di punta. Qualsiasi cosa possa contribuire a ridurre la presenza di auto sulle strade e soprattuto le lore mefitiche esalazioni è la benvenuta. Le macchinine di Share'n'go non saranno comodossime, ma sono una opzione in più rispetto agli altri car sharing, tutto sommato sono divertenti da guidare e si parcheggiano in angoli impensabili. Da provare.

Aggiornamento 29 Gennaio 2016: la newsletter del servizio mi ha annunciato ieri che sono state installate/attivate le radio sulle automobiline elettriche. Alleluia!

Sunday, 1 November 2015

Leave it the X-ers

Yesterday I stumbled (more or less) on 'Heavy Lifting - Grow Up, Get a Job, Start a Family, and Other Manly Advice', a recently published book by Cam Edwards and Jim Geraghty. With a title like that and a cover graphically designed like that it was sure to catch my attention. Could it be true? A 2015 book seriously talking about 'manly advice about starting a family'? Turns out it actually is. The authors are  the host of a NRA U.S. radio show and a National Review journalist, two self described 'conservatives' and 'gun nuts'. As a European, I generally look at this kind of literary exploits with condescendence, but I found myself so interested by the book and its informal style that I finished it all in one evening. The premise of the - uhm- essay is that the latest generation of 20 and 30 year olds are more and more procrastinating living independently and starting their own families.  It's of course the Millennials, while the US duo belongs to the current 40something generation, the X-ers. This is actually a bit funny. One defining book of Generation X was the short story collection of the same name by Douglas Coupland: in that book the same themes were applied (from a completely different perspective) to the generation of 20somethings of a quarter of a century ago - who now seems to have fully reached middle age producing the first laudatores temporis acti. The same accusations moved by Edwards and Geraghty were moved to their generation 20  years ago - much more so in Europe where the phenomenon of the so-called 'failure to launch' has apparead earlier and more virulently.




The advice given is - in William Shatner's immortal one liner - basically to get a life - get out  of your parent's basement and start living. The same message that nearly thirty years ago was aimed, albeit facetiously, to (a portion of) the same demographic as the authors, in a SNL sketch which became relatively famous even here in Italy where I live.

Does it mean that the book's content is futile ranting? Well, probably not, after all. For the intendend audience, it is probably very sound advice. I am definitely not a white american in his twenties, but here in Florence I sometimes meet some college students spending a semester - and they could probably benefit somehow from reading the book, all they seem to care about is binge drinking and tapping on their smartphones after all. In a way it is amazing that somebody seems to think (and rightly so, the book is currently #1 in an amazon.com category) there is a market for a book humorously teaching about how and when to start finding a job, how to ask a girl out, how to be a dad  and even - uh - how to drink the right way with one's buddies. Most of the book cultural references are TV shows, videogames, a few commercials. There are references to a few books, and movies and documentaris, some of which I didn't know about, but they are the minority. This is, alas, symptomatic. The advice, I mean, it is well intended, it is probably necessary and useful, but the very fact that we - we Americans and Europeans, I'd love to see a "localization" of the the book - are at this point in our respective societies it's not only ironic and embarassing. It's all the way alarming: not to mention the fact that, at the cost of risking the R-accusation, what I've been talking about is very true from a white point of view. There is not much of an extended adolescence  for the young legal and illegal immigrants from Asia and Africa, both here and in the US.

One funny fact. The authors end every chapter with a reference to Ward Cleaver, one character from Leave it to Beaver. I vaguely knew what Leave to Beaver is, but I had to look Ward Cleaver on Wikipedia. It seems that the show was actually broadcast even in Italy in the sixties, but I have no memory of it, I knew of its existance from references found in other media. It's one of the thing I'll never understand about the american mind: yes, in a superhero kind of way, Ward Cleaver can be somehow interesting, but the basic problem with a figure like that is that people like Ward do not really exist in real life. It takes a suspension of disbelief to react positively to Ward Cleaver that Europeans probably don't have anymore, at least since the late Roman Republic, anyway.

What I find interesting, on the contrary, is that it is also a reaction to the counter-culture of the Baby Boomer generation, the Me-generation which probably started to ruin it all, again on both sides of the Atlantic. Edwards and Geraghty don't say it, but it somehow obvious.

As they say in the interview linked above, and in the book, it as heteronormative essay. Wow. And they even have to excuse themselves for that somehow. Well, well done (the heteronormative thing, not the excues). Let me reproduce part of a note from page 130, on that matter:

But please refrain from whining that a book about parenting and manhood written by two straight guys doesn’t spend enough time discussing the gay perspective. Based on data from the 2013 CDC National Health Interview Survey, 96.6 percent of American adults identified as straight, 1.6 percent identified as gay or lesbian, and 0.7 percent identified as bisexual. The remaining 1.1% of adults identified as ‘‘something else,’’ stated ‘‘I don’t know the answer,’’ or refused to provide an answer.
For some reason, Americans walk around believing that gays make up a very large minority in this country. Gallup found in 2015 that “the American public estimates on average that 23% of Americans are gay or lesbian.” The mean estimate from respondents ages eighteen to twenty-nine was 28 percent.


1.1% - that's one fifth to one tenth of the figure usually babbled about in mainstream radio or TV shows, even here in Italy. There is something to learn even from two conservatives american journalists, an ilk which is badly considered even by european rightwingers, usually.

Speaking of conservativism, I do not think that in this case, government is the main cause of the problem. The root of problem, and the authors implicitly admit it throughout the book, is mainly economical. It is our capitalistic system who has produced a situation where one is discouraged to start a family both from a social and economic perspective. If actual income has decreased and at the same time the actual costs of starting life on one's own have skyrocketed it is an economic problem. There is an american Greater Generation conservative pundit which somehow saw it all many years ago, but in that respect wasn't, unsurprisingly, not very considered. I'm talking about Pat Buchanna and his living wage proposals. Remember, Cal and Jim?




Thursday, 29 October 2015

His Way

L'altro giorno al supermercato (la catena è quella di un grande amico di Berlusconi, ormai ultranovantenne) ho utilizzato i punti della tesserina per comprare 'My Way' di Alan Friedman, edito da Rizzoli. Normalmente non spendo denaro, ne tantomento punti fidaty, per questo tipo di libri ma mi aveva incuriosito una delle tante 'marchette' fatte dal giornalista americano alla radio, in cui ribadiva più volte la sua imparzialità, senza del resto essere stato accusato di essere stato parziale.
'My Way' in realtà è un progetto editoriale di una certa consistenza: il libro è pubblicato contemporaneamente in più lingue, la promozione è stata battente, vi si accompagnano per ora dei video su internet che anticipano un documentario in più puntate e probabilmente una successiva edizione con altre aggiunte (lo stesso è accaduto con 'Ammazziamo il Gattopardo' del resto).
Le 390 pagine circa del volume vorrebbero essere una sorta di via di mezzo tra la biografia autorizzata di B. e il libro intervista, con qualche rivelazione esclusiva. E' così? Diciamo che è così, ma il risultato finale non è particolarmente entusiasmante.Non si tratta, dichiaratamente, di un libro-inchiesta sulla falsariga del seminale 'Inchiesta sul signor TV' di Ruggeri e Guarino, o di una delle tante opere di Marco Travaglio o dei suoi accoliti. La fonte principale è Berlusconi stesso e suoi amici, come Confalonieri o Vladimir Putin, intervistato in esclusiva. Questo ha dato al corpulento Friedman accesso ad Arcore e a materiale inedito (incluse alcune foto e la possibilità di girare video con lo stesso B.) ma inevitabilmente ha ristretto di molto la possibilità di dire qualcosa di davvero interessante.I primi capitoli sono dedicati al Berlusconi imprenditore, prima nel mondo dell'edilizia, poi della televisione e del calcio. Non si racconta nulla di veramente inedito, gli episodi sono tutti già noti, come la infanzia (relativamente) disagiata del milanese, i primi colpi di 'genio' nel campo edilizio e così via. La presunta imparzialità di Friedman si limita a registrare qualche particolare variazione nella mimica facciale di solito odontoiatrica di Berlusconi, a ricordare timidamente che spesso oltre alla versione del 'tycoon' ce ne sono altre. Certo, quando l'ex Presidente del Consiglio racconta che Gorbaciov nel 1993 ignorava anche i principi di base del funzionamento delle economia capitalistiche (pg.27) ci sarebbe da pensare. Ci sarebbe da pensare anche quando racconta che su un treno la madre Rosa impedì solo con la sua fermezza l'arresto di una ragazza ebrea, pg 38. Però Friedman sembra accettare tutto come oro colato. Come oro colato sono tutti gli altri episodi che da più di venti anni fanno ormai parte di un'agiografia sostanzialmente autocostruita. I capitoli sui primi anni della discesa in campo espongono sostanzialmente il punto di vista di Berlusconi, con scarso contraddittorio. Parla Berlusconi, Friedman al massimo ne osserva l'angolo della bocca.
'My way' si fa notare soprattutto per quello di cui NON parla. Ad esempio l'appartenenza del Nostro alla Loggia P2 è completamente ignorata. La vicenda della compravendita di senatori in funzione anti-Prodi è liquidata in pochissime righe. Le intercettazioni spesso incredibilmente imbarazzanti che sono emerse negli ultimi anni non sono quasi mai menzionate. Anche sull'aspetto 'orgiastico' dell'ultimo Berlusconi si glissa rapidamente, nonostante quanto fatto intuire dal tour promozionale. Il Bunga Bunga? Cene eleganti. La stanza del Bunga Bunga? Una sala da pranzo con dipinti rinascimentali.
La parte più interessante del libro è quella finale. Si parla dei successi, o meglio delle felici intuizioni di Berlusconi in politica estera, su Putin, su Gheddafi, sulla seconda guerra del Golfo. Sui primi due punti le posizioni sono già note, e personalmente penso che siano quelle giuste. Certo, sono solo idee che hanno avuto pochi effetti pratici, e - forse - avute a posteriori. Sullo 'scoop' che Berlusconi avrebbe cercato di convincere Blair e Bush a non deporre Saddam Hussein, abbiamo solo la parola dell'intervistato, molti anni dopo che, in effetti, a Blair e Bush aveva concesso la collaborazione militare. Gli ultimi capitoli sono relativi a un presunto complotto intrecciato da Angela Merkel e Nicholas Sarkozy, con la cosciente collaborazione di Napolitano, per far cadere l'ultimo governo Berlusconi nel 2011. Sicuramente ci sono delle novità sostanziali, grazie anche a interviste a personaggi interessati, come Zapatero: è comunque il punto di vista di Berlusconi con poche critiche. In particolare Sarkozy è dipinto come un personaggio arrogante ed iroso, particolarmente vendicativo nei confronti dell'allora omologo italiano per la sua contrarietà al (certamente sciagurato) intervento in Libia contro Gheddafi. In coda le solite giaculatorie sulla condanna definitiva per l'affaire sui fondi neri (però di fondi neri non si parla) e sulla futura, inevitabile, rimonta di Berlusconi prima dell'addio finale.
Berlusconi, secondo Berlusconi, secondo Putin, e in fondo anche secondo Friedman, è il personaggio che nel dopoguerra ha governato più a lungo e che più ha influenzato la politica italiana. Purtroppo è così. Senza Berlusconi non avremmo avuto Prodi, non avremmo avuto Napolitano, nona avremmo avuto sicuramente Renzi. Sicuramente gli italiani non sarebbero molto più ignoranti e volgari che 30 anni fa. Un bilancio positivo per Friedman, a 64 denti per Berlusconi. Per me e diversi altri, no.

Thursday, 23 October 2014

Quadrophonia



Uno dei miei telefoni è un vecchio (comincia a far sghignazzare i più gggiovani) LG Optimus One P500, Ha il firm stock aggiornato ad Android 2.3, è rootato, ed ha una SD partizionata per Link2SD.

Ieri (non avendo evidentemente niente di meglio, e più utile, e più divertente da fare) ho trovato delle istruzioni per l'installazione di una Cyanogenmod basata su Android 4.4.2 kitkat specifica per il P500. Decido di provare. Scarico Rom Manager dallo store, flasho la recovery, metto lo .zip della mod sulla sdcard, faccio il boot to recovery, installo lo .zip. Che ha anche un setup particolare, l'Aroma installer. L'installazione da un warning su alcuni link che non è riuscita a creare e fa il reboot del terminale.Schermo nero, fastboot mode started, udc_start(), e altri messaggi inserendo il cavo usb.
Naturalmente ho già il SDK di android e i giusti driver usb per l'ADB. Provo fastboot flash recovery, fastboot erase recovery, fastboot reboot.. Niente.. Provo anche a ripulire e riflashare altre partizioni: al reboot stavolta il p500 da schermo nero, pare brickato. Cerco su XDA developers una soluzione.
Innanzitutto procurarsi un'immagine aggiornata per rimettere il firm stock sembra difficile, su XDA trovo Original_LG_Firmware.zip, un programmino in .net che dato l'IMEI del telefono preleva dai server LG la giusta immagine. Per riflashare ci sono sostanzialmente due programmi, LGMPD e KDZ_FW_UPD. Provo subito il secondo. Metto in emergency mode il telefono (back+voldown+power), configuro il KDZ come 3CQGT e emergency, provo a riflashare il firm giusto.

Funziona.

Riconfiguro l'account, ripristino il backup.

Trovo una versione di Rom Manager che fa scaricare direttamente da Internet delle rom. Trovo una vecchia CM7, che si installa senza problemi. Il menu iniziale è in russo, ma riesco a selezionare l'italiano. Funzicchia, grafica carina. Però... oh, non vede la sezione di telefonia GSM/3G. Rimetto sempre con KDZ il firmware stock, però devo anche fare un reset ai dati di fabbrica, è rimasto qualcosa di strano in /system (credo)
Mi rimane la voglia di riprovare la CM 11 Kitkat. Provo a flashare direttamente da fastboot una recovery più reente, rimetto lo zip, reboot to recovery (home+volup+poweroff), rifaccio il setup, reboot... Parte! Ma rimane poi fermo alla boot animation.
Riprovo con un paio di cosiddette CM10 stable. La recentissia recovery non li caga nemmeno di strisco. Riprovo con la CM11, mettendo il setup al minimo.
Stavolta il boot dura quasi 10 minuti, ma finalmente arriva a buon fine. Apparentemente il port di KitKat sul vecchio hardware LG pare più che usabile. Provando ad installare qualche app google seperatamente ma il sistema si rifiuta decisamente. Alla fine è necessario ripetere l'installazione, prima di troare la combinazione giusta.

La CM11 comunque ha due problemi. Attivare il tetherign su wifi richiede un reboot se poi si vuole usare il wifi (ahi, usare il tethering oltre a telefonare è la funzione più usata di quel terminale). Inoltre non sembra possibile usare correttamente la Radio FM. Chi ha rilasciato la mod ha messo Spirit FM Unlocked. Però.. non funziona. Come riscontro installandone 4-5 versioni diverse, provando qualche decina di settaggi e infine trovando un posto di conferma su XDA devoloper.

Ok. La radio FM è il terzo utilizzo in ordine di importanza di quel terminale. Torno allo stock.
Stavolta però KDZ non ne vuol sapere di funzionare. Devo scompattare il file del firm stock con LG-Utils (sempre trovato su XDA developers) e usare una più complessa procedura con LGMDP.
La cosa finalmetne va a buon fine.

Posso rimettermi a rootare la stock, mettere link2sd etc. Un problema con una (credo) errata versione di link2sd mi costringe a ripetere l'operazione due volte. Ora il telefono è tornato praticamente come nuovo, anzi sembra più veloce. Spirit FM funziona sulla stock. Ed ha anche l'RDS.

Certo, sono le tre del mattino.Invece di provare la CM11, non potevo, che so, iniziare a studiare il sanscrito?

Controllo IBAN in C#

Oggi cercando l'algoritmo di controllo dell'IBAN su google ho trovato questo post ( http://meow.altervista.org/blog/come-controllare-la-validita-del-codice-iban-in-java/ ) con l'algoritmo e un chiaro esempio in Java. Ho convertito la routing in C#, non che mancassero gli esempi direttamente in questo linguaggio, ma che diamine.. ecco la funzione. Bisogna creare un riferimento a System.Numerics nel progetto che usa la funzione. .NET >= 4, per via di BigInteger

        private bool ibanvalido(string iban)
        {
            iban = iban.ToUpper();
            if (iban.Length < 27) { return false; }
            int valoreperiban = 0;
            StringBuilder builder = new StringBuilder();
            string ibanscambiato = iban.Substring(4, iban.Length - 4) + iban.Substring(0, 4);
            for (int i = 0; i < ibanscambiato.Length; i++)
            {
                char ch = ibanscambiato[i];
                if (ch >= 'A' && ch <= 'Z') { valoreperiban = ch - 55; builder.Append(valoreperiban.ToString()); } else { builder.Append(ch); }
            }

            System.Numerics.BigInteger ibanConvertito = System.Numerics.BigInteger.Parse(builder.ToString());

            System.Numerics.BigInteger resto = System.Numerics.BigInteger.Remainder(ibanConvertito, 97);

            if (resto.Equals(1)) { return true; } else { return false; }
        }


Friday, 17 October 2014

U2's new album (Songs of innoncence): Every Breaking Wave

Last week I listened to 'Songs of innoncence', U2's much discussed new album. It's good, not exceptional. The best song in my opinion is...

   ..which (suspiciously) reminds me of this old, nowadays almost unknown 80s song



...from The Roaring Boys. An almost forgotten new romantic band which produced only one  eponymou  album (with a three good songs on a total count of eleven, including 'House of Stone'). It's a complete ripoff? Absolutely not. But I think maybe Bono and the Edge owe something to those six old former new romantics.